Di musica io mi intendo pochissimo

Di musica io mi intendo pochissimo, della crisi della musica non posso parlare, l’unica cosa che posso dire è che sulla strada per arrivare a casa mia c’è un cartellone pubblicitario grande che, di solito, fanno la pubblicità dei film e dei concerti, e ci sono le pubblicità di grandi concerti, di quelli che alla fine sono quelli che incassano di più, per esempio adesso c’è la pubblicità del concerto dei Pooh, prima c’è stata la pubblicità del concerto di Baglioni e Morandi, quella del concerto di Ligabue e stasera mi è venuto un dubbio sono andato a controllare, i concerti più visti nel 2016 sono stati di Laura Pausini, dei Pooh, di Baglioni e Morandi, di Ligabue, di Vasco Rossi, di Jovanotti e di Eros Ramazzotti.

E a me è venuto da pensare che se me l’avessero detto nel 96, vent’anni fa, che vent’anni dopo i concerti più visti sarebbero stati quelli di Laura Pausini, dei Pooh, di Baglioni e Morandi, di Ligabue, di Vasco Rossi, di Jovanotti e di Eros Ramazzotti io avrei pensato che doveva succedere qualcosa di strano, perché succedesse una cosa del genere, tipo uno sciopero degli archivisti alla voce musica leggere, ma di musica io mi intendo pochissimo, sarà per quello.

TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.