La gara delle porcherie

Come ha scritto e riscritto Luca Sofri, passati ormai i giorni che sono passati, e sbrogliare la matassa sull’intercettazione al presidente della regione siciliana Crocetta, pure se ci riuscisse, non servirebbe a molto.
Oltretutto, se non c’è l’intercettazione, male, perché significa che qualcuno ha finto che ci fosse per provare a fare cadere un governo. E se invece c’è, peggio, perché lo scenario più verosimile sarebbe quello ricostruito da Fanpage, dove si parla di “facce che non si vedevano a Palermo quantomeno dai tempi di Andreotti”, quindi un quadro quantomeno complottardo, assurdo ma allo stesso verosimile: il peggio che possa accadere a una regione che sugli stereotipi della corda pazza, del gioco del rovescio, dell’eccezionalità mostruosa, ci sguazza da sempre.

Mettiamo comunque che l’intercettazione ci sia: il presidente di una regione autonoma a statuto speciale dovrà prima o poi dimettersi (o comunque a vedersela pietre pietre) per una cosa che non ha detto lui, ma il suo medico.
E attenzione, non stiamo parlando di un capomandamento che pianifica un omicidio insieme al suo referente politico: stiamo parlando di uno dei vari  interlocutori telefonici di un uomo di potere che a un certo spara una frase cretina e astiosa su un assessore che gli rende la vita difficile.
Certo, non è bello che il governatore di una regione si circondi di simili sautafossa. Ma se in Sicilia farsi attorniare dai sautafossa è da considerarsi motivo di dimissioni, allora prepariamoci a non avere mai più un governatore in carica per più di cinque minuti.

Pochi giorni prima di questa intercettazione era scoppiato lo scandalo Tutino. E la campagna mediatica anti Crocetta su cosa si era basata? Sull’inopportunità di un simile legame personale tra governatore e il primario di un ospedale? Sul conflitto di interessi che questo legame genera? No. Sullo sbiancamento anale.
Pietrangelo Buttafuoco, subito coadiuavato dal sito LiveSicilia che lo aveva rilanciato in tempo reale, aveva scritto sul Fatto un articolo da cui un po’ a fatica (tra arzigogoli, citazioni dal Faust di Goethe, verbi come guatare) si apprende che lo sbiancamento anale faceva parte delle prestazioni sanitarie per cui Villa Sofia chiedeva e otteneva rimborso dall’assessorato alla sanità regionale.
Ma l’articolo era ambiguo, e ancora più ambiguo era il rilancio di Live Sicilia: si istituiva un parallelo tra la vanità (notoria) di Rosario Crocetta e l’intervento chirurgico in questione, lasciando vagamente intendere che il governatore si fosse effettivamente avvalso di questo trattamento e lo avesse anche fatto a spese del contribuente siciliano: da lì in poi, è stato tutto un clickbait SULLO SBIANCAMENTO ANALE DEL GOVERNATORE.

Sintetizzando: è finita che bisogna difendere un presidente che fa porcherie su porcherie perché chi lo attacca lo fa in modo ancora più porcherioso di lui.