Recensioni brevissime di libri difficili (4)

In questa puntata due medici, due tesi di laurea e tre adelphi.

Il dottor Semmelweis di Louis-Ferdinand Céline

51GOtt1dTWL._SY445_

Cose che crediamo banali sono il dono di chi le ha conquistate per noi; è il caso del dottor Semmelweis, l’osteggiatissimo medico che scoprì che bisogna lavarsi le mani prima di operare un paziente. Ne parla la bellissima tesi in medicina di Céline, che lascia come unico dubbio come abbia fatto a laurearsi.

TramaIl dottor Semmelweis scopre che dopo aver maneggiato i cadaveri bisogna lavarsi bene le mani.
ReperibilitàDiscreta.
Voto: 85 su 100.

 

Cervelli di Gottfried Benn

31XMOGpRE4L._SY445_

L’autore abbandona la teologia per studiare medicina a Berlino, diventa medico militare, si specializza in sifilide (!) e presta servizio nei bordelli durante la guerra mondiale. Poi scrive un romanzo che finisce così: “Chi crede che con le parole si possa mentire potrebbe pensare che qui ciò avvenga.” e tanto basta.

TramaUn medico tra i peggiori dei mondi possibili. 
Reperibilità: Buona.
Voto: 87 su 100.

 

 

La Persuasione e la Rettorica, di Carlo Michelstaedter

51o1ZRBICHL._SY445_

Un peso che raggiunge il fondo non è più un peso: realizzarsi equivale a distruggersi. Un’analisi feroce e brillante che perde efficacia solo quando tenta di risolvere i terribili problemi che pone – ne era consapevole l’autore, che si è suicidato dopo aver concluso (senza discutere) questa splendida tesi di laurea.

Trama: “…quanto io dico è stato detto tante volte e con tale forza che pare impossibile che il mondo abbia ancor continuato ogni volta dopo che erano suonate quelle parole.”
ReperibilitàBuona, disponibile anche online.
Voto: 85 su 100.

 

Nelle puntate precedenti:
Ada o ardore, di Vladimir Nabokov
Pierre o dell’ambiguità, di Hermann Melville
Ulisse, di James Joyce
Tropico del Cancro, di Henry Miller
L’uomo senza qualità di Robert Musil
L’Erotismo, di Georges Bataille
Infinite Jest, di David Foster Wallace.
Il libro rosso di Carl Gustav Jung
La cognizione del dolore, di Carlo Emilio Gadda