Un giorno a caso in Italia

A proposito del post di qualche giorno fa sul razzismo di moltissimi italiani – cavalcato, sobillato e sdoganato da politici e giornali che un giorno ne risponderanno davanti alla storia – metto in fila quattro notizie a caso, grandi e piccole, trovate in un giorno a caso, oggi, su un quotidiano a caso, il Corriere della Sera, una pagina dopo l’altra.

Le prime due sono queste. Cose del genere capitano ogni giorno in ogni città, sugli autobus, per le strade, dentro i negozi, negli uffici pubblici. A noi ne arrivano i racconti solo quelle poche volte in cui qualcuno gira un video o decide di raccontarlo.

Poi uno sfoglia pagina e trova questa notizia.

Sulla stessa pagina, basta solo abbassare lo sguardo e c’è quest’altra notizia.

E non parliamo della criminalizzazione delle ong, della disinformazione quotidiana, della tv del pomeriggio, eccetera. Un giorno a caso, su un giornale a caso, in questo paese ben preciso.

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.