Una domanda a Beppe Grillo

Nell’epica del Movimento 5 Stelle esiste un episodio che credo sia stato ingiustamente trascurato dalla grande narrativa giornalistica: si tratta della storia del SWG4 zip war Airganon che proprio in questi giorni compie due anni. È una storia cominciata il 12 aprile 2012 quando sul canale YouTube di Beppe Grillo venne pubblicato un video dal titolo “Sequestro dei beni ai politici”. Nel filmato Grillo illustra i progressi nella realizzazione di un “algoritmo” a cui stavano lavorando i “migliori tecnici”. L’algoritmo si chiamava SWG4 zip war Airganon (le grafie a volte differiscono perché Grillo non ha mai pubblicato un documento scritto su questo algoritmo) e aveva lo scopo di “sequestrare” il denaro ai politici (in particolare tutto ciò che è stato guadagnato nell’arco di un mandato, sottratto un forfait di 1.200 euro al mese).

Da allora dell’Airganon non si è più saputo nulla. Sono passati due anni e il progetto, definito nel 2012 da Beppe Grillo “a buon punto” è scomparso. Il video è diventato famoso perché nel marzo 2013, un anno dopo la pubblicazione, è stato “riscoperto” da Francesco Lanza che gli dedicò un post di grande successo sul suo blog. La conclusione a cui giunsero i giornalisti ed esperti informatici che si occuparono del video in quelle settimane fu che le parole di Grillo pronunciate in quell’occasione non avevano senso. Grillo non stava “annunciando la creazione di un programma”, ma aveva semplicemente messo in scena una sorta di gramelot tecnologico in cui termini sbagliati venivano utilizzati per indicare concetti errati.

Un “algortimo” non può svolgere la funzione indicata da Grillo. I dati che questo “algoritmo” dovrebbe “intersecare” non sono pubblici ed ottenerli è un reato. È impossibile nell’ordinamento di qualunque democrazia espropriare il denaro di qualcuno senza un processo. Altre mille cose non tornano nel video, come il fatto che quando Grillo gira lo schermo del tablet verso la telecamera per mostrare il famoso algoritmo, sul desktop non si vede assolutamente niente.

sw4-airganon-beppe-grillo

La spiegazione più ovvia di questo video è che si sia trattato di uno scherzo. In effetti al minuto 2.21 sembra quasi che Grillo stia faticando a trattenere una risata. Se è uno scherzo, però, è stato nascosto davvero bene. Qui potete leggere il post originale sul blog di Grillo in cui veniva pubblicato il video per la prima volta. Il testo recita:

In dodici anni ci siamo indebitati di circa 1.000 miliardi di euro. Che fine hanno fatto? Chi li ha spesi e con quali risultati? Queste sono le domande alle quali devono dare una risposta i politici prima di togliere il disturbo. L’Italia dovrà pagare per almeno un decennio interessi mostruosi sul debito pubblico accumulato, a botte di 100 miliardi all’anno I responsabili devono partecipare più e meglio di ogni altro cittadino.

Nulla lascia intuire che si possa trattare di uno scherzo. Una scorsa ai commenti sotto il post fa chiaramente capire che i frequentatori del blog hanno inteso il video come un messaggio assolutamente serio. Anche chi ha commentato la pagina Facebook di Grillo ha preso il video molto seriamente. Le cose che Grillo dice nel video sono assurde, ma non sono così diverse da quelle che ripete nei comizi con la massima serietà. Più volte Grillo ha dichiarato che bisognerà sequestrare ai politici i soldi in più che hanno guadagnato rispetto allo stipendio di una persona normale mentre si trovavano in carica. Lo ho fatto durante diversi comizi e con la massima serietà.

Il video, inoltre, appartiene chiaramente all’epoca politica di Grillo: un momento in cui era perfettamente conscio che il suo pubblico non era più formato da persone che volevano farsi una risata, ma da attivisti che entro pochi giorni sarebbero andati a votare. Il video è stato pubblicato nel marzo 2012 durante la campagna elettorale per le elezioni amministrative del 2012. Poche settimane dopo la pubblicazione, il Movimento 5 Stelle avrebbe conquistato quattro comuni, tra cui Parma, il primo comune capoluogo di provincia ad avere un sindaco del movimento.

Nel marzo dello scorso anno in molti hanno scherzato su questo video e lo hanno definito una “supercazzola”. In questa storia c’è in effetti qualcosa di comico, ma c’è anche qualcosa che non torna. Beppe Grillo credeva veramente che da qualche parte alcuni “tecnici” stessero lavorando a un programma in grado di sequestrare i soldi rubati dai politici? O era uno scherzo, fatto forse con un po’ di leggerezza per far ridere gli attivisti – che però non lo hanno capito? C’è una terza possibilità e cioè che quel video sia davvero uno scherzo. Non uno scherzo per ridere con gli attivisti del movimento, ma uno scherzo per ridere degli attivisti. Oggi, mentre il Movimento 5 Stelle è diventato una delle tre principali forze politiche del paese, se avessi la possibilità di fare una domanda soltanto a Beppe Grillo in diretta nazionale non avrei dubbi. Gli chiederei “cosa diavolo è questo video?” Credo che la risposta sia molto più interessante per comprendere Grillo e il suo movimento di quanto questo piccolo episodio lasci pensare.

Mostra commenti ( )