• martedì 11 Gennaio 2022

Una canzone di King Creosote

Che sarebbe buona anche per certi crime scozzesi

(Richard Isaac/LNP)

Le Canzoni è la newsletter quotidiana che ricevono gli abbonati del Post, scritta e confezionata da Luca Sofri (peraltro direttore del Post): e che parla, imprevedibilmente, di canzoni. Una per ogni sera, pubblicata qui sul Post l’indomani, ci si iscrive qui.
Bene, bene, rieccoci e buon anno. Io sono pieno di biglietti di concerti, per affrontare il 2022 con spirito battagliero, e speriamo bene.
Jack Hamilton di Slate ha guardato un sacco di documentari musicali, prima di Natale, compreso quello sui Bee Gees e quello sul loro produttore Robert Stigwood: e ha concluso che la tesi del primo dei due sul declino dei Bee Gees dopo i successi della Febbre del sabato sera sia infondata e che il declino non c'entri niente con gli attacchi sprezzanti di allora nei confronti della discomusic, ma piuttosto abbia a che fare col disastro che fu il film "beatlesiano" Sgt. Pepper's lonely hearts club band.
Sono noioso a me stesso, ma ho ascoltato molta musica durante le feste, raccogliendo soprattutto i consigli delle varie liste sul "meglio del 2021", e ci ho trovato al massimo qualcosa di appena piacevole, e niente di speciale. Mi sarebbe piaciuto condividere e rivelare qui meraviglie di recente scoperta, ma non dispero.
(l'unico sollievo a questa deprimente consapevolezza di anzianità è che le mie reazioni sono sì noiose ma esattamente opposte a quelle canoniche del nonno che trova inascoltabile ed estranea la "musica moderna": a me sembra piuttosto di avere già sentito tutto quanto, in altri decenni: noioso, e pure supponente).
All'inizio di Don't look up (sì, ho visto molto Netflix durante le vacanze), quando loro sono alla Casa Bianca, sullo sfondo di due scene si vede un quadro. Si intitola The outlier, è una delle ultime cose del pittore e scultore Frederic Remington, del 1909. La cosa misteriosa per me è che quel quadro è del Brooklyn Museum, e fu prestato in effetti alla Casa Bianca ma solo dal 1996 al 2010 (alla Casa Bianca ci sono soprattutto sculture, di Remington), quindi chissà perché lo hanno messo nel film (si trovava in un'altra sala, nella realtà). E comunque qui non è importante: mi chiedo solo se qualcun altro in Italia, vedendo il film, abbia immediatamente notato il quadro per altre ragioni.

Abbonati al

Questa pagina fa parte dei contenuti visibili agli abbonati del Post. Se lo sei puoi accedere, se non lo sei puoi esserlo.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.