• Mondo
  • martedì 20 Ottobre 2020

Peter Madsen, l’inventore danese condannato per l’omicidio della giornalista Kim Wall, è riuscito a scappare di prigione ma è stato catturato

Martedì, Peter Madsen, l’inventore danese condannato nel 2018 per l’omicidio della giornalista svedese Kim Wall, è riuscito a scappare di prigione ed è stato catturato nuovamente dalla polizia dopo alcune ore.

Madsen si trovava in una prigione alla periferia di Copenhagen, dove stava scontando una pena a 16 anni di carcere per l’omicidio di Wall, la giornalista che aveva violentato e ucciso durante un viaggio su un sottomarino di sua costruzione. Bo Yde Sorensen, presidente del sindacato degli agenti di polizia penitenziaria danesi, ha spiegato che Madsen è riuscito a uscire dalla prigione prendendo in ostaggio una psicologa che lavorava coi detenuti: minacciandola con quella che sembrava una pistola si è fatto aprire le porte del carcere dalle guardie ed è scappato. Madsen, scrivono i giornali, si è poi allontanato a piedi dalla prigione e si è nascosto in un furgone: la polizia ha però iniziato subito a seguirlo e lo ha trovato poco dopo. Madsen, che indossava anche una finta cintura esplosiva, è stato ammanettato a una recinzione in strada in attesa dell’arrivo degli artificieri ed è poi stato riportato in carcere. Più tardi, è stato trasferito in una diversa struttura.

– Leggi anche: Una storia da serie tv dalla Danimarca

Peter Madsen dopo essere stato nuovamente catturato al termine di una breve fuga dal carcere dove stava scontando la pena per l'omicidio di Kim Wall (Nils Meilvang / Scanpix 2020)