(ANSA/ALESSANDRO DI MEO)

Quando iniziano i saldi estivi 2020

L'inizio degli sconti è stato posticipato a causa della pandemia da coronavirus: nella gran parte delle regioni partiranno il primo agosto

(ANSA/ALESSANDRO DI MEO)

Le date di inizio dei saldi estivi del 2020 sono state posticipate all’inizio di agosto: di solito i saldi partono i primi giorni di luglio, ma a causa della pandemia da coronavirus la Conferenza delle Regioni ha deciso di posticiparli. In ogni caso la Sicilia e la Calabria hanno entrambe deciso di fare iniziare i saldi il primo luglio, andando contro il parere della Conferenza delle Regioni. La durata dei saldi sarà al massimo di sessanta giorni: nella gran parte delle regioni finiranno quindi il 29 settembre.

Le date di inizio dei saldi, regione per regione:

Abruzzo: 1 agosto
Basilicata: 1 agosto
Calabria: 1 luglio
Campania: 1 agosto, anche se lunedì è stata approvata una mozione dal consiglio regionale per far iniziare i saldi già da questa settimana
Emilia-Romagna: 1 agosto
Friuli Venezia Giulia: 1 agosto
Lazio: 1 agosto, ma la regione ha permesso vendite promozionali anche nei 30 giorni che precedono la data di inizio dei saldi
Liguria: 1 agosto – 14 settembre
Lombardia: 1 agosto
Marche: 1 agosto, ma la regione ha permesso vendite promozionali anche nei 30 giorni che precedono la data di inizio dei saldi
Molise: 1 agosto
Piemonte: 1 agosto – 26 settembre
Puglia: 1 agosto – 15 settembre
Sardegna: 1 agosto
Sicilia: 1 luglio
Trentino-Alto Adige: nella gran parte dei comuni ci saranno saldi tra il 1 agosto e il 29 agosto, mentre nei comuni turistici inizieranno il 15 agosto e finiranno il 12 settembre: trovate più informazioni qui.
Toscana: 1 agosto – 30 agosto, ma la regione ha permesso vendite promozionali anche nei 30 giorni che precedono la data di inizio dei saldi
Umbria: 1 agosto
Valle d’Aosta: 1 agosto
Veneto: 1 agosto

Le cose da sapere sui saldi
Per poter fare i saldi i negozi devono rispettare alcune regole. Per esempio il prezzo originale di ogni prodotto in saldo deve essere sempre indicato in modo chiaro e inequivocabile, vicino alla percentuale di sconto e al prezzo scontato. Inoltre le merci in saldo devono essere tenute in zone separate rispetto a quelle non in saldo, in modo da non essere confuse.

Anche i clienti devono rispettare alcune regole, quando entrano nei negozi: è obbligatorio indossare la mascherina, rispettare il distanziamento fisico e igenizzarsi le mani all’ingresso (la maggior parte dei negozi mette a disposizione un dispenser per farlo).

Ora Consumismi ha una sua newsletter, gratis

– Leggi anche: 5 modi per innaffiare le piante mentre si è in vacanza