(Christopher Furlong/Getty Images)
  • Mondo
  • giovedì 9 Luglio 2020

«Per favore, urlate dentro i vostri cuori»

C'è una nuova regola dentro i luna park giapponesi: per evitare l'emissione di goccioline di saliva, è consigliato non urlare sulle montagne russe

(Christopher Furlong/Getty Images)

In Giappone, dopo la sospensione delle attività per via del coronavirus, i parchi a tema e i luna park hanno cominciato a riaprire a inizio maggio, con una nuova regola di comportamento per i visitatori: non urlare sulle montagne russe.

La regola è stata introdotta dall’associazione nazionale dei parchi a tema nelle linee guida per le riaperture: urlare sulle montagne russe può infatti portare a una grande diffusione di gocce di saliva (i droplet) e creare occasioni di trasmissione del coronavirus tra i visitatori.

– Leggi anche: Come si rischia il contagio da coronavirus

Rispettare il divieto di urlare non è obbligatorio, ma come nel caso dell’uso delle mascherine – che in Giappone è solo consigliato – è largamente osservato. Il Wall Street Journal scrive che la regola è stata adottata in tutti i principali parchi a tema del paese, compresi quelli di Disneyland a Tokyo e gli Universal Studios Japan di Osaka, e che la maggior parte dei visitatori fanno di tutto per rispettarla.

Qualcuno si è comunque lamentato di dover rinunciare alle urla durante i giri sulle montagne russe, considerando le grida uno degli elementi fondamentali del divertimento al luna park. Diverse persone sentite dal Wall Street Journal, inoltre, hanno spiegato di non essere riuscite a trattenersi e di aver urlato mentre venivano lanciate su e giù dalle montagne russe, con velocità che in alcuni casi superano i 100 chilometri all’ora. Altri hanno osservato come la stessa regola non sia fatta osservare in Cina o ad Hong Kong, dove i parchi divertimenti hanno riaperto senza limitazioni particolari oltre all’indicazione di indossare una mascherina.

Per rispondere a questo tipo di critiche, i gestori del parco Fuji-Q Highland di Fujiyoshida, a sud ovest di Tokyo, hanno diffuso un buffo video per dimostrare che è assolutamente possibile fare un giro sulle montagne russe senza urlare. Nel video si vedono il CEO e il presidente della società che gestisce il parco mentre senza fiatare e senza mostrare segni di paura completano un giro sulle montagne russe “Fujiyama”, dove nel momento di massima accelerazione si superano i 128 chilometri all’ora. Il video si conclude questa frase: «Per favore, urlate dentro i vostri cuori».