Il Consiglio dei ministri ha approvato il disegno di legge sulla riforma del processo penale senza Italia Viva

Questa sera il Consiglio dei ministri ha approvato il disegno di legge sulla riforma del processo penale, compreso il cosiddetto “Lodo Conte Bis” che riguarda la prescrizione. Non hanno partecipato al Consiglio le ministre di Italia Viva – contraria al “Lodo Conte Bis” – Teresa Bellanova e Elena Bonetti.

Il “Lodo Conte Bis”, che prende il nome dal deputato di Liberi e Uguali (LEU) Federico Conte e su cui si sono accordati il Movimento 5 Stelle, il Partito Democratico e lo stesso LEU, prevede che la prescrizione sia bloccata dopo una sentenza di primo grado, in caso di condanna, e che i tempi di prescrizione siano recuperati nel caso in cui dopo una condanna in primo grado ci sia un’assoluzione in secondo grado. In caso di due condanne, una in primo grado e una in appello, la prescrizione viene definitivamente bloccata.

Il dibattito sulla prescrizione, spiegato

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte con il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede durante la conferenza stampa al termine del consiglio dei ministri del 13 febbraio 2020 (ANSA/ANGELO CARCONI)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.