• Mondo
  • mercoledì 15 gennaio 2020

L’8 febbraio ci saranno elezioni anticipate in Irlanda

Ieri il primo ministro irlandese Leo Varadkar ha chiesto al presidente della Repubblica irlandese di sciogliere il parlamento e convocare elezioni per sabato 8 febbraio. Si tratta di elezioni anticipate, indette per provare a ottenere più seggi, dato che il partito conservatore Fine Gael, di cui Varadkar è leader, guida un governo di minoranza.

Varadkar, che ha 40 anni ed è primo ministro dal giugno 2017, ha detto di aver scelto la data per permettere al paese di avere il nuovo governo entro il Consiglio europeo di marzo. Per la prima volta dopo più di un secolo si voterà di sabato.

Leggi anche: L’unico politico apprezzato su Brexit

Come spiega il Guardian, si prevede che la campagna elettorale di Varadkar e Fine Gael sarà basata sui risultato ottenuti dal suo governo relativamente «ai servizi pubblici, al settore abitativo, a Brexit e alla crisi climatica». Secondo i primi sondaggi, Fine Gael è in leggero vantaggio sul partito di opposizione Fianna Fáil, guidato da Micheál Martin.

(AP Photo/Christophe Ena)
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.