• Mondo
  • domenica 24 Novembre 2019

Rodrigo Duterte ha licenziato la sua principale rivale politica dalla commissione che si occupa della campagna contro lo spaccio di droga, meno di un mese dopo averle dato l’incarico

Il presidente filippino Rodrigo Duterte ha licenziato la sua principale rivale politica – la vicepresidente Leni Robredo – dalla commissione che si occupa della campagna contro lo spaccio di droga, meno di un mese dopo averle dato l’incarico. A inizio novembre, Duterte aveva sorpreso un po’ tutti offrendo a Robredo l’incarico di co-presidente della commissione, che si occupa di una delle più importanti promesse elettorali fatte da Duterte ma che negli ultimi 3 anni ha portato alla morte di migliaia di persone e che Amnesty International ha definito un “crimine contro l’umanità”. Robredo, che era sempre stata molto critica del lavoro della commissione, aveva accettato l’incarico spiegando di voler provare a cambiare le cose in meglio. Un portavoce di Dueterte ha però detto che Robredo aveva usato la sua posizione per attaccare il presidente e non aveva presentato nessun piano di riforma utile al lavoro della commissione.

Leni Robredo (AP Photo/Bullit Marquez)