• Mondo
  • mercoledì 13 novembre 2019

Un tribunale di Boston ha stabilito che i controlli ingiustificati fatti sui computer e sugli smartphone delle persone che entrano negli Stati Uniti violano la Costituzione

Un tribunale federale di Boston ha stabilito che i controlli ingiustificati fatti sui computer e sugli smartphone delle persone che entrano nel territorio degli Stati Uniti violano la Costituzione del paese, in particolare il quarto emendamento, quello che difende le persone da perquisizioni e arresti illeciti. Il tribunale si è espresso a seguito di una causa di due associazioni per i diritti dei cittadini, la American Civil Liberties Union (ACLU) e la Electronic Frontier Foundation, iniziata per conto di undici persone i cui smartphone e computer erano stati controllati al loro arrivo nel territorio americano. Dieci di loro sono cittadini americani, mentre uno risiede negli Stati Uniti legalmente.

Jessie Rossman, avvocato della ACLU, ha raccontato che due delle undici persone furono trattenute in aeroporto per ore mentre cercavano di rientrare negli Stati Uniti dopo una visita in Canada, e che alla fine decisero di lasciare lì il telefono, che fu restituito loro dopo 15 giorni. Secondo la ACLU solo nel 2018 sono stati fatti 33mila controlli sui dispositivi elettronici.

Controlli all'aeroporto di Boston (AP Photo/Michael Dwyer)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.