• Mondo
  • mercoledì 13 novembre 2019

A Hong Kong ci sono nuove violente proteste nel distretto finanziario e nelle università

A Hong Kong sono in corso nuove violente proteste in diverse zone della città: la polizia ha arrestato alcune persone nel distretto finanziario, dove qualche centinaio di manifestanti era arrivato a protestare per il terzo giorno consecutivo. Molte stazioni ferroviarie e della metropolitana sono state chiuse dopo che i manifestanti avevano bloccato la normale circolazione dei mezzi, così come sono state sospese le lezioni nelle scuole primarie e secondarie. Altre proteste si sono tenute in particolare nell’Università Cinese, fuori città, dove diversi studenti si sono preparati per gli scontri con la polizia armandosi di bombe molotov e archi e frecce.

Le proteste a Hong Kong proseguono ormai da sei mesi: inizialmente i manifestanti volevano il ritiro di una contestata legge sull’estradizione proposta dal governo, ma col passare del tempo hanno iniziato a chiedere in generale più libertà e democrazia, e meno influenza del regime cinese negli affari di Hong Kong.

(AP Photo/Kin Cheung)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.