• Mondo
  • domenica 20 ottobre 2019

Un attivista pro-democrazia è stato accoltellato a Hong Kong

Un ragazzo di 19 anni che distribuiva volantini sulle manifestazioni a favore della democrazia a Hong Kong è stato accoltellato al collo e all’addome.
Il ragazzo indossava vestiti neri e una maschera, ed è stato attaccato vicino a uno dei cosiddetti “Lennon Walls” (muri della città su cui gli attivisti pro-democrazia attaccano post-it con messaggi personali e politici) da un 22enne che ha urlato: «Hong Kong è parte della Cina, avete rovinato Hong Kong», secondo quanto mostrato da un video dell’attacco poi circolato molto.

Nelle ultime ore in città ci sono stati nuovi scontri violenti tra la polizia e i manifestanti, che chiedono che venga abolita la legge che proibisce le maschere in vigore dallo scorso 4 ottobre. I manifestanti hanno lanciato sassi contro la polizia e hanno costruito barricate nelle strade, la polizia ha usato di cannoni ad acqua e gas lacrimogeni.

(AP Photo/Felipe Dana)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.