• Mondo
  • martedì 15 ottobre 2019

L’Uganda non introdurrà la pena di morte per i rapporti sessuali omosessuali

Un portavoce del presidente ugandese Yoweri Museveni ha detto che il paese non imporrà la pena di morte per i rapporti sessuali omosessuali, dopo che alcuni giorni fa il ministro per l’Etica e l’integrità Simon Lokodo aveva parlato della possibilità di reintrodurre una legge di questo tipo perché, scrive Reuters, secondo lui «l’omosessualità si sta diffondendo in Uganda». Il portavoce del presidente ha comunque aggiunto che l’Uganda ha «un codice penale che già si occupa di “comportamenti sessuali innaturali”». CNN ha spiegato che nel 2009 fu introdotta una legge contro l’omosessualità che includeva la possibilità della pena di morte ma che poi nel 2014 fu modificata, con l’ergastolo al posto della pena di morte. CNN scrive che «Museveni firmò la legge, che fu però in seguito annullata dalla Corte costituzionale per via di un tecnicismo». Sempre CNN ricorda che nel 2014 Museveni disse che i gay erano «disgustosi».

(AP Photo/Bebeto Matthews)
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.