• Mondo
  • lunedì 16 settembre 2019

Decine di persone sono state arrestate in Pakistan per avere attaccato un tempio indù nella città di Ghotki

Decine di persone sono state arrestate nella città pakistana di Ghotki, nella provincia del Sindh, con l’accusa di avere partecipato a una protesta violenta sabato scorso. La protesta era iniziata dopo che un adolescente aveva accusato il preside della sua scuola, nonché suo insegnante, di blasfemia, cioè di avere fatto commenti negativi sul profeta dell’Islam, Maometto. Dopo la denuncia moltissime persone avevano attaccato un tempio indù, vari negozi e una scuola della città. Il preside si trova in carcere con l’accusa di blasfemia e rischia la pena di morte.

Negli ultimi anni la legge sulla blasfemia in vigore in Pakistan è stata criticata da politici locali e organizzazioni internazionali per la difesa dei diritti umani, come Human Rights Watch.

Ghotki, Pakistan (Google Maps)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.