(Jens Bittner/picture-alliance/dpa/AP Images)
  • lunedì 9 settembre 2019

Sei cose che abbiamo comprato ad agosto

Borse per l'ultimo weekend di mare, accrocchi per ascoltare nuova musica su vecchie autoradio e bidoni per la spazzatura più carini della media

(Jens Bittner/picture-alliance/dpa/AP Images)


Quasi ogni giorno nella redazione del Post arrivano pacchi e pacchetti. A volte è il compleanno di qualcuno e sono regali, molto più di frequente sono vestiti, scarpe, libri, cavetti per smartphone e vari altri tipi di oggetti acquistati online: in redazione c’è sempre qualcuno che prende le consegne, a Milano è facile far arrivare le cose per posta e chi ha tempo per andare nei negozi in cui si entra dalla porta? La maggior parte delle cose che arrivano sono interessanti solo per chi le ha comprate, ogni tanto però qualcuna, per qualche ragione, attrae l’attenzione di tutta la redazione o di una sua parte: perché è un oggetto originale o strano, perché molto funzionale o semplicemente bello, oppure perché per qualche ragione chi l’ha acquistato si sente di pubblicizzarlo con entusiasmo.

Qui si parla di sei oggetti di questo genere arrivati in un pacco questo mese, in breve. Magari possono esservi d’aiuto se il compleanno di un vostro caro amico, parente o vicino di casa si avvicina. Se invece piace a voi, mettetelo in una wishlist e poi diffondetene il link un mese prima del vostro, di compleanno.

Una borsa per la bici, anzi due
Una redattrice che è appena tornata da un viaggio in bici in Svanezia, una regione della Georgia, dice che se volete fare un viaggio in bici ci sono un sacco di oggetti da portare ma nessuno più necessario di un paio di borse affidabili. Queste di Ortlieb, dice, sono tra le migliori, perché sono resistenti, capienti (in tutto 40 litri, quindi 20 ciascuna) e soprattutto impermeabili, caratteristica fondamentale quando piove molto oppure quando le strade diventano molto fangose o si devono attraversare piccoli torrenti. In Svanezia capita spesso.

Le sacche di Ortlieb, aggiunge la redattrice, sono comode anche perché all’interno c’è una tasca con cerniera dove riporre le cose più importanti, e sicure perché all’esterno, sui lati, hanno due grossi inserti catarifrangenti. Su Amazon costano – la coppia – tra i 116 e i 145 euro, dipende dal colore.

Se siete al primo viaggio e non volete investire in attrezzatura costosa perché non siete ancora sicuri che il cicloturismo faccia per voi, potete scegliere un’alternativa più economica, per esempio questa di Decathlon: con 50 euro circa se ne comprano due. La redattrice cicloturista avverte che è una buona sacca ma non è impermeabile, quindi munitevi anche di coprizaino.

Un cavalletto
Il mese scorso il redattore che di fotografia ne sa parecchio ha comprato un cavalletto fotografico Manfrotto, probabilmente la più famosa azienda al mondo di cavalletti fotografici. Non è tra i più leggeri in commercio né tra i più piccoli (non l’ideale per portarlo durante passeggiate in montagna, per intenderci), ma è molto stabile e solido. Ha inoltre la possibilità di estendere in orizzontale uno dei suoi bracci, in modo da poter scattare facilmente verso il basso, all’occorrenza. Su Amazon la versione con testa – cioè l’affare a cui si aggancia la macchina fotografica – “a tre vie” costa 262 euro.

Un bidone per i rifiuti organici
I piccoli bidoni per la raccolta differenziata dei rifiuti organici sono quanto di meno glamour possa offrire il mercato, ma un redattore ne ha trovato uno molto grazioso (o almeno: più grazioso della media) che trattiene meglio degli altri l’odore dei resti di cibo. Si può anche non nascondere sotto il lavello, quindi, ma che non valga da giustificazione per non buttare mai la spazzatura. Si chiama, appunto, “bidoncino” e su Amazon costa 17 euro e cinquanta.

Una piccola sacca da spiaggia
Può contenere: un telo da spiaggia, portafoglio, chiavi, custodia per gli occhiali, un libro, il costume, un panino. Costa 26 euro, è bella da guardare, è completamente impermeabile e se cade in acqua galleggia, almeno in teoria (il redattore che l’ha comprata e usata con soddisfazione può testimoniare sulla totale impermeabilità ma confessa di non averla buttata in acqua per la prova di galleggiamento). Certo, la stagione sta per finire, ma il mare è bellissimo in questi weekend di settembre.

Un aggeggio per ascoltare nuova musica su vecchie autoradio
Chi gira su una vecchia automobile con una vecchia autoradio – di quelle senza bluetooth né ingresso USB – spesso finisce sulla maledetta cassettina con il lungo filo che termina in un minijack, per poter ascoltare un po’ della propria musica. Emancipatosi dalla cassettina che offriva la peggior qualità del suono possibile, un redattore è approdato felicemente a questo trasmettitore FM-Bluetooth che fa lo stesso lavoro molto meglio. Si collega via Bluetooth al telefono, e trasmette il segnale alla radio via FM. Per impostarla dovete trovare una frequenza libera sulla vostra radio, ma è più facile a farsi che a dirsi («ci vuole un minuto per metterlo in funzione», dice il redattore). Su Amazon costa 15 euro.

Una felpa per lo sport
La dote principale di questa felpa leggera di Under Armour, secondo la redattrice che l’ha acquistata, è che «ti fa sentire un vero sportivo anche quando l’unico sport che stai davvero facendo è lo shopping compulsivo online». È leggera ma robusta ed è abbastanza economica per essere un capo di abbigliamento tecnico (su Amazon costa 50 euro). Purtroppo non abbiamo potuto fotografarla perché la redattrice, che evidentemente si sottovalutava, ha cominciato a fare sport più movimentati nei boschi e in un incontro ravvicinato con una conifera la felpa si è riempita di resina. Potete guardarla qui, però.

***
Disclaimer: su alcuni dei siti linkati nella sezione 
Consumismiil Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi – che potrebbero variare di giorno in giorno rispetto a quelli indicati, in base alle offerte. Ma potete anche cercarli su Google.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.