• Mondo
  • giovedì 22 agosto 2019

Altre due persone sono state arrestate per l’esplosione avvenuta due settimane fa all’Agenzia delle entrate di Copenaghen

Altre due persone sono state arrestate in Svezia per l’esplosione avvenuta lo scorso 6 agosto alla sede dell’Agenzia delle entrate di Copenaghen, in Danimarca: il totale dei sospettati è così salito a quattro, uno in custodia cautelare e uno ancora in fuga, entrambi di nazionalità svedese. Non si conoscono invece le identità e le provenienze dei due sospettati arrestati ieri, ma la polizia ha detto che hanno 22 e 27 anni.

L’esplosione non aveva causato feriti, ma aveva danneggiato gravemente la facciata dell’edificio: si sa che è stata causata intenzionalmente, ma non ci sono informazioni sulle possibili motivazioni. Inizialmente si era ipotizzato un collegamento con l’alta pressione fiscale danese, ma il fatto che i primi due sospettati fossero svedesi – un paese dove gli attentati esplosivi sono relativamente frequenti – aveva reso più incerte le cose.

La sede dell'Agenzia delle entrate danese a Copenaghen, in Danimarca, il 7 agosto 2019 (Ólafur Steinar Rye Gestsson / Ritzau Scanpix)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.