• Mondo
  • martedì 13 agosto 2019

In Portogallo, polizia ed esercito stanno distribuendo carburante nel paese a causa di uno sciopero degli autisti delle autocisterne

In Portogallo, polizia ed esercito stanno distribuendo carburante nel paese al posto dei normali autisti di autocisterne, il cui sciopero aveva messo a rischio gli approvvigionamenti di carburante per la popolazione nelle aree turistiche più trafficate in questi giorni. Il governo ha approvato un decreto di emergenza che ha reso di fatto illegale lo sciopero (chi continuerà a scioperare rischia fino a due anni di carcere), ha affidato a esercito e polizia la distribuzione del carburante dalle raffinerie ai distributori e ha imposto un limite di 15 litri di carburante per ogni rifornimento. Martedì, scrive BBC, almeno 14 autocisterne guidate da soldati e agenti di polizia hanno lasciato la raffineria di Sines per dirigersi verso la zona di Algarve, dove molti distributori erano già rimasti a secco.

Lo sciopero, che è iniziato lunedì, è stato indetto per chiedere migliori condizioni di lavoro, dopo che un precedente sciopero ad aprile non aveva migliorato le cose. Al momento, scrive BBC, a causa della carenza di carburante sono rallentate anche le operazioni all’aeroporto di Lisbona.

(AP Photo/Armando Franca)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.