• Media
  • lunedì 15 luglio 2019

Dailymotion dovrà pagare 5,5 milioni di euro di risarcimento a Mediaset per aver pubblicato illecitamente video coperti dal diritto d’autore

Dailymotion, popolare sito per condividere video online di proprietà della società francese Vivendi, è stato condannato dal Tribunale di Roma a pagare un risarcimento di 5,5 milioni di euro a Mediaset, per aver pubblicato illecitamente alcuni video coperti dal diritto d’autore. Lo rende noto Mediaset in una nota, specificando che Dailymotion dovrà anche provvedere al pagamento di quasi 100mila euro di spese processuali: il giudice inoltre ha imposto una penale di 5mila euro per ogni giorno di ritardo nella cancellazione dei video. La sentenza è la prima relativa a sette cause in corso e riguarda 995 video di contenuti Mediaset caricati su Dailymotion senza autorizzazione a partire dal 2006.

Mediaset spiega nella nota che «è stata costretta a ricorrere al tribunale dopo una serie di inutili diffide (iniziate nel 2010) che informavano Dailymotion delle violazioni in atto, diffide che venivano costantemente ignorate. Anche dopo la notifica nel 2012 della prima causa, quella giunta ora a sentenza, il portale francese non ha cessato le proprie condotte illecite. Tanto che Mediaset ha dovuto avviare successivamente altre sei azioni legali analoghe. Un totale, a oggi, di sette diverse cause i cui esiti si attendono a breve». Secondo Mediaset, nel caso in cui anche le altre sei cause si dovessero concludere con una sentenza di condanna per Dailymotion, il totale dei risarcimenti potrebbe ammontare a circa 200 milioni di euro.

Mediaset e la società francese Vivendi sono da tempo al centro di un contenzioso legale, di cui questa sentenza è solo l’ultimo episodio. Vivendi infatti possiede il 28,8 per cento delle quote di Mediaset (di cui il 19,19 tramite la fiduciaria Simon) e il 29,9 per cento dei diritti di voto societari. Nel 2016 Vivendi avrebbe dovuto acquistare la pay tv Mediaset Premium, ma in seguito decise di far saltare l’acquisto per provare a scalare Mediaset. Mediaset ha avviato una causa nei confronti di Vivendi sostenendo che l’acquisto delle sue azioni da parte dei francesi sia avvenuto in violazione del contratto per la cessione di Mediaset Premium. Sempre per questo motivo il cda di Mediaset lo scorso aprile ha negato a Vivendi e Simon il diritto di voto nell’assemblea della società, un atto criticato da Vivendi che ha citato in giudizio Mediaset al Tribunale di Milano perché annulli la delibera: l’udienza è fissata per il prossimo 26 novembre.

(Vittorio Zunino Celotto/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.