• Mondo
  • martedì 18 giugno 2019

Un prestigiatore indiano è morto in un fiume durante un numero in cui si era fatto legare come faceva Houdini

Domenica un prestigiatore indiano è morto nel fiume Hooghly, a Calcutta, durante un numero escapologia, l’abilità di liberarsi e scappare resa famosa da Houdini: si era fatto immergere nel fiume, legato e bendato. L’uomo aveva 42 anni e si chiamava Chanchal Lahiri, anche se il suo nome d’arte era Jadugar Mandrake. Oggi la polizia ha recuperato il suo corpo, ancora legato con le catene, a circa un chilometro dall’area in cui Lahiri era stato messo in acqua dai suoi collaboratori. Sumit Kharbanda, presidente dell’Indian Brotherhood of Magicians di Delhi, ha detto ai giornali che Lahiri aveva già fatto lo stesso numero con successo almeno una decina di volte.

Il prestigiatore indiano Chanchal Lahiri viene immerso nel fiume Hoogly, a Calcutta, il 16 giugno 2019 (La Presse/STR / AFP)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.