• Mondo
  • sabato 15 giugno 2019

Anche il Regno Unito ha accusato l’Iran di aver attaccato le due petroliere nel golfo dell’Oman

Il Regno Unito si è aggiunto agli Stati Uniti nell’accusare l’Iran per l’attacco di giovedì scorso a due petroliere nel Golfo dell’Oman. Sembra che l’attacco sia stato compiuto facendo esplodere mine navali posizionate sugli scafi, ma ci sono ancora diverse cose poche chiare nell’intera vicenda; Iran e Stati Uniti si sono accusati a vicenda, e la tensione potrebbe creare altre situazioni pericolose.

Venerdì sera il ministero degli Esteri britannico ha diffuso una nota in cui dice che «è quasi certo che un ramo dell’esercito iraniano – il corpo delle Guardie rivoluzionarie – abbia attaccato le due petroliere il 13 giugno. Nessuno altro stato o ente non statale potrebbe essere plausibilmente responsabile». Il ministero cita una precedente aggressione portata avanti dall’Iran contro quattro petroliere nelle acque degli Emirati Arabi Uniti il 12 maggio, e conclude augurandosi che «l’Iran si prenda la responsabilità dell’attacco».

Nove risposte sull’attacco alle petroliere nel Golfo dell’Oman

(AP Photo/ISNA)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.