• Sport
  • giovedì 6 giugno 2019

I Toronto Raptors hanno battuto i Golden State Warriors in gara-3 delle finali della NBA

I Toronto Raptors hanno battuto per 123 a 109 i Golden State Warriors in gara-3 delle finali della NBA, giocata nella notte tra mercoledì e giovedì a Oakland, in casa dei Warriors. I Raptors si sono portati così sul 2 a 1 nella serie, ribaltando provvisoriamente i pronostici: i Warriors erano infatti strafavoriti alla vittoria del titolo (che sarebbe il loro terzo consecutivo), ma con la sconfitta di stasera le cose si sono fatte molto più incerte. I Raptors infatti sono riusciti nell’impresa per niente facile di vincere una partita in casa dei Warriors, e si sono portati in vantaggio nella serie: due cose che in pochi avrebbero previsto.

La vittoria dei Raptors è arrivata anche perché ai Warriors mancavano alcuni dei pezzi più importanti, fuori per infortunio: Kevin Durant, Klay Thompson e – in misura minore – Kevon Looney. Thompson ritornerà certamente per gara-4, mentre su Durant ci sono ancora dei dubbi. Gara-4 si giocherà ancora in casa dei Warriors, nella notte tra venerdì e sabato, e poi le due squadre si alterneranno nell’ospitare le rimanenti partite.

Nella partita della notte, il miglior giocatore dei Raptors, Kawhi Leonard, ha fatto 30 punti giocando una gran gara. Ma la vittoria è stata resa possibile anche dalla grande prestazione di Kyle Lowry, che ha segnato 23 punti e servito 9 assist. Nei Warriors non è bastata una partita pazzesca di Steph Curry, che ha segnato 47 punti. I Raptors si sono portati in vantaggio di una decina di punti nel primo quarto, e hanno mantenuto per tutta la partita il distacco.

(Lachlan Cunningham/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.