• Mondo
  • lunedì 27 maggio 2019

15 detenuti sono morti durante una rivolta in un carcere in Brasile

Domenica 26 maggio c’è stata una rivolta nel carcere di Anísio Jobim – vicino a Manaus, nel nord del Brasile – in cui sono morte 15 persone. Secondo quanto riferito dalle autorità, la rivolta è iniziata durante l’orario di visita e ha coinvolto alcuni detenuti che ne hanno uccisi altri strangolandoli o accoltellandoli con spazzolini da denti affilati. La rivolta è stata sedata poco dopo e sulla vicenda sono in corso delle indagini. Nello stesso carcere, nel 2017, uno scontro tra gang criminali aveva provocato la morte di 56 detenuti.

(AP Photo/Edmar Barros)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.