• Mondo
  • mercoledì 22 maggio 2019

A Giacarta sei persone sono morte negli scontri tra la polizia e gli oppositori del presidente Joko Widodo, appena rieletto

A Giacarta, in Indonesia, sei persone sono morte e 200 sono state ferite durante gli scontri tra la polizia e i manifestanti che protestavano contro il presidente Joko Widodo, appena rieletto. Il numero dei morti è stato diffuso dal governatore locale e poi confermato dalla polizia: si basa sui registri degli ospedali della città. La polizia ha anche annunciato che indagherà sulla causa della morte dei manifestanti, negando che gli agenti in servizio fossero armati con proiettili veri.

Ieri Widodo è stato riconfermato presidente, ma il suo sfidante, l’ex generale Prabowo Subianto, lo ha accusato di brogli e non ha accettato il risultato elettorale. Le proteste contro Widodo e a sostegno di Prabowo erano iniziate pacificamente, ma in serata alcuni manifestanti avevano cominciato ad appiccare il fuoco alle automobili e a gettare petardi contro la polizia, che ha risposto usando il gas lacrimogeno per disperdere la folla. Un portavoce della polizia ha detto che 69 manifestanti sono stati arrestati. Nonostante gli scontri anche oggi i sostenitori di Prabowo hanno manifestato.

Gli scontri tra la polizia e i manifestanti contro il presidente a Giacarta, in Indonesia, il 22 maggio 2019 (AP Photo)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.