• Italia
  • domenica 21 aprile 2019

Un uomo norvegese è morto in un incidente con il paracadute in Trentino

Un uomo norvegese che praticava base jumping in Trentino è morto in un incidente con il suo paracadute durante un lancio e si è schiantato nel fiume Sarca.

Il base jumping è uno sport estremo che consiste nel lanciarsi nel vuoto da varie superfici, rilievi naturali, edifici o ponti, e atterrare grazie a un paracadute.
L’uomo, che aveva 47 anni, si era lanciato dal Becco dell’Aquila, nella zona del monte Brento, sopra il comune di Dro, un punto di lancio famoso per chi pratica questo sport, ma non è riuscito ad aprire il suo paracadute.

La ripresa di un lancio di base jumping dal Becco dell'Aquila (Youtube)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.