Apple e Qualcomm hanno fatto pace

Apple e il produttore di componenti Qualcomm, uno dei più grandi al mondo, hanno stretto un accordo per mettere fine a tutte le cause legali in corso, in diverse parti del mondo. L’accordo prevede il pagamento da parte di Apple di una cifra in denaro, il cui importo non è stato specificato, e la possibilità per l’azienda di utilizzare per sei anni (più altri due opzionali) i prodotti di Qualcomm sotto licenza, senza particolari limitazioni. Negli ultimi anni Apple aveva fatto causa a Qualcomm accusandola di applicare prezzi troppo alti per alcuni suoi componenti degli smartphone, come i modem per farli collegare alle reti cellulari, in un regime di sostanziale monopolio. Qualcomm, per contro, aveva accusato Apple di utilizzare i suoi sistemi senza le necessarie licenze, ottenendo in alcuni casi la sospensione delle vendite di alcuni modelli di iPhone in Germania e in Cina. La notizia dell’accordo è arrivata di sorpresa, proprio mentre stava iniziando un nuovo grande processo negli Stati Uniti che vedeva coinvolte le due aziende.

(Justin Sullivan/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.