• Mondo
  • martedì 5 marzo 2019

Un tribunale di Tokyo ha accolto la richiesta di Carlos Ghosn di essere liberato su cauzione

Un tribunale di Tokyo ha accolto la richiesta dell’ex presidente e amministratore delegato del gruppo Renault-Nissan, Carlos Ghosn, di essere liberato su cauzione dopo più di tre mesi di detenzione. Per Ghosn, che era stato arrestato lo scorso novembre in Giappone con l’accusa di avere trattenuto per sé alcuni fondi aziendali quando era a capo dell’azienda automobilistica Nissan, la cauzione è stata fissata a un miliardo di yen, circa 8 milioni di euro. Ghosn aveva più volte richiesto di essere liberato su cauzione, ricevendo sempre rifiuti e l’estensione del suo periodo di detenzione. L’ultima richiesta è stata fatta dal nuovo avvocato di Ghosn, Junichiro Hironaka, che ha assicurato ai giudici giapponesi che il suo assistito, una volta fuori dal carcere, si sottoporrà a misure di sorveglianza molto rigorose. Ghosn potrebbe essere liberato già oggi.

(Koichi Kamoshida/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.