• Mondo
  • martedì 12 febbraio 2019

Il Consiglio d’Europa dice che la libertà di stampa in Italia è diminuita nel corso del 2018

Il Consiglio d’Europa – un organo che non ha a che fare con l’Unione Europea e si occupa di democrazia e diritti umani – ha pubblicato oggi un rapporto sulla situazione del giornalismo in Europa. Il rapporto si intitola “Democrazia a rischio: minacce e attacchi contro la libertà dei media in Europa” e, spiega il Consiglio d’Europa, «valuta la situazione della libertà dei mezzi d’informazione in Europa sulla base di 140 gravi violazioni segnalate alla piattaforma nel corso del 2018». In poche parole, la piattaforma tiene il conto di attacchi e minacce contro i giornalisti, e del numero di giornalisti detenuti nei vari paesi. Nel rapporto è scritto che «la libertà di stampa in Italia è chiaramente diminuita nel corso del 2018». L’Italia è uno dei quattro stati con una sezione dedicata: gli altri sono Russia, Turchia e Ungheria. Nel rapporto è anche scritto che «i due vice presidenti del Consiglio, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, usano regolarmente sui social media una retorica particolarmente ostile nei confronti dei media e dei giornalisti».

Il rapporto è stato presentato da una piattaforma del Consiglio Europeo di cui fanno parte i seguenti enti: Federazione europea dei giornalisti, Federazione internazionale dei giornalisti, Associazione dei giornalisti europei, Article 19, Reporter senza frontiere, Comitato per la protezione dei giornalisti, Index on Censorship, International Press Institute, International News Safety Institute, Rory Peck Trust, Unione europea di radiodiffusione e PEN International.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.