• Mondo
  • lunedì 4 febbraio 2019

Il rapper 21 Savage è stato arrestato negli Stati Uniti con l’accusa di essere un immigrato irregolare

Il rapper 21 Savage – abbastanza famoso negli Stati Uniti, meno in Italia – è stato arrestato ad Atlanta con l’accusa di essere un immigrato irregolare. La polizia che si occupa dei casi di immigrazione – l’Immigration and Customs Enforcement, ICE – ha detto che 21 Savage, il cui vero nome è Sha Yaa Bin Abraham-Joseph, è un cittadino britannico che era entrato negli Stati Uniti nel 2005 con un permesso di soggiorno temporaneo ma non aveva più lasciato il paese. Abraham-Joseph si trova ora in detenzione in attesa di espulsione dal paese. Il Guardian ha scritto che non è chiaro dove sia nato e quale sia la sua cittadinanza. Secondo alcune informazioni, Abraham-Joseph sarebbe originario della Repubblica Dominicana, in molti pensavano invece che fosse nato ad Atlanta, la città dove vive e dove è diventato famoso. I suoi avvocati hanno parlato di un “fraintendimento”.

(Roy Rochlin/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.