Per la borsa americana, la settimana chiusa ieri è stata la peggiore dell’ultimo decennio

Wall Street, la borsa americana, ha avuto la sua peggior settimana dell’ultimo decennio. Il Dow Jones, il suo indice principale, ha perso il 6,8 per cento e il Nasdaq, l’indice dei titoli tecnologici, l’8,3 per cento.

I risultati dell’ultima settimana sono arrivati dopo alcuni mesi già abbastanza negativi. Wall Street è ai suoi valori minimi degli ultimi 17 mesi e, come ha spiegato il Sole 24 Ore, anche il Nasdaq, l’indice dei titoli tecnologici di Wall Street, «è sceso del 22% dal picco di agosto e dunque è entrato ufficialmente nel «bear market» (ribassi di oltre il 20% dall’apice), avendo bruciato 3mila miliardi di dollari di capitalizzazione in 4 mesi».

La situazione è dovuta soprattutto ai problemi con la Cina (la guerra commerciale con gli Stati Uniti, per capirci) e al cosiddetto shutdown del governo degli Stati Uniti, cioè la sospensione di tutte le attività non essenziali del governo federale.

 

 

Wall Street a New York, 31 gennaio 2017 (BYAN R. SMITH/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.