• Mondo
  • venerdì 21 dicembre 2018

Il jihadista francese Peter Cherif, accusato di essere coinvolto nell’attentato contro la redazione di “Charlie Hebdo”, è stato arrestato a Gibuti

Il jihadista francese Peter Cherif, uno dei terroristi più ricercati al mondo e accusato di essere coinvolto nell’attentato del gennaio 2015 contro la redazione del settimanale satirico Charlie Hebdo, è stato arrestato il 16 dicembre a Gibuti, dice la stampa francese. Cherif, conosciuto anche con lo pseudonimo Abou Hamza, è stato collegato dagli investigatori francesi alla cellula jihadista di Parigi di cui facevano parte anche Said e Cherif Kouachi, i due fratelli responsabili dell’attentato contro Charlie Hebdo, nel quale furono uccise 12 persone: non è ancora chiaro il ruolo che ebbe nell’attacco. Cherif era già noto alle autorità francesi: negli ultimi dieci anni ha combattuto in Iraq e nello Yemen e ha stabilito legami con al Qaida in Yemen. Cherif, dice la stampa francese, sarebbe in attesa di essere estradato in Francia.

(ERIC FEFERBERG/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.