• Mondo
  • lunedì 17 dicembre 2018

Gli Stati Uniti hanno detto di avere ucciso in due giorni 62 miliziani del gruppo terroristico somalo al Shabaab

L’esercito statunitense ha detto di avere ucciso 62 miliziani del gruppo terroristico somalo al Shabaab in sei attacchi aerei compiuti in Somalia tra sabato e domenica. I bombardamenti – quattro sabato e due domenica – sono i più violenti compiuti nel paese dal novembre 2017, quando una serie di attacchi uccise un centinaio di miliziani di al Shabaab.

Gli attacchi aerei degli Stati Uniti in Somalia sono aumentati sensibilmente da quando Donald Trump è diventato presidente, nel gennaio 2017. Secondo il Bureau of Investigative Journalism, organizzazione no profit con base a Londra, dall’inizio del 2017 in Somalia sono state uccise in attacchi aerei almeno 400 persone, molte di più di quelle uccise in tutti i precedenti 10 anni.

Miliziani di al Shabaab a Mogadiscio (AP Photo/Farah Abdi Warsameh)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.