Arriva il Nucleo concretezza

Il suo scopo sarà valutare la concreta realizzazione delle iniziative contenute nel Piano triennale delle Azioni concrete (non è uno scherzo)

(ANSA/ANGELO CARCONI)

Una settimana fa il Senato ha approvato il disegno di legge intitolato “Interventi per la  concretezza delle azioni delle pubbliche amministrazioni e la prevenzione dell’assenteismo”, voluto dalla ministra per la Pubblica amministrazione Giulia Bongiorno e ribattezzato per semplicità “DDL concretezza”. Tra le novità introdotte dalla legge ci sarà per esempio la possibilità di introdurre “controlli biometrici” sui pubblici impiegati (sostituire i badge elettronici e i cartellini con rilevatori di impronte digitali) e installare sistemi di videosorveglianza per accertarne l’operato.

Come ha notato tra gli altri Il Foglio, questo piano non sembra essere destinato a essere messo in pratica in breve tempo, anche perché passare a sistemi come i rilevatori di impronte digitali in tutti gli uffici pubblici del paese non sarebbe né semplice né economico. Ma per evitare che in futuro le intenzioni del governo rimangano prive di riscontri pratici, la legge introduce un nuovo organo di controllo: il Nucleo Concretezza. Come spiega il terzo comma dell’articolo uno del DDL:

«Il Nucleo della Concretezza assicura la concreta realizzazione delle misure indicate nel Piano di cui al comma 2»

Poche righe sopra viene specificato che il piano in questione altri non è che il “Piano triennale per la azioni concrete”. Dopo l’approvazione al Senato, il DDL ora è in attesa di passare alla Camera, dove potrebbe essere definitivamente approvato già nelle prossime settimane. La maggior parte delle sue disposizioni, però, avranno bisogno di ulteriori decreti per entrare in vigore.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.