• Italia
  • giovedì 13 dicembre 2018

Raffaele Marra è stato condannato a tre anni e sei mesi di carcere per corruzione

È l'ex capo del personale del comune di Roma, considerato molto vicino all'attuale sindaca della città Virginia Raggi: era stato arrestato nel 2016

Raffaele Marra – ex capo del personale del comune di Roma e considerato molto vicino all’attuale sindaca della città Virginia Raggi – è stato condannato a tre anni e sei mesi di carcere e interdizione dai pubblici uffici, per corruzione. Dovrà anche pagare un risarcimento di 100mila euro al Comune di Roma. Marra era accusato di aver ricevuto delle tangenti – anche nella forma di un appartamento comprato a prezzo agevolato – dall’immobiliarista romano Sergio Scarpellini (che è morto il 20 novembre).

Marra era stato arrestato nel dicembre del 2016 nell’ambito di un’indagine iniziata nel 2013, quando era a capo del Dipartimento politiche abitative del comune di Roma, durante la giunta di centrodestra guidata da Gianni Alemanno. Insieme a Marra era stato arrestato anche Scarpellini, accusato di aver pagato tangenti in cambio di favori.

Marra è un ex ufficiale della Guardia di Finanza, che prima di lavorare per l’amministrazione Raggi era stato a lungo collaboratore di Gianni Alemanno, ex sindaco di Roma ed ex ministro dell’Agricoltura. Quando nel 2008 Alemanno vinse le elezioni comunali di Roma, Marra si trasferì al Comune, dove divenne dirigente. Per alcuni anni lavorò anche in Rai, come dirigente, e per Renata Polverini quando lei era presidente del Lazio con il centrodestra.

La scelta di Marra da parte di Raggi era stata criticata anche da molti dirigenti del Movimento 5 Stelle, sospettosi di una persona che aveva già avuto incarichi politici precedenti e che secondo qualcuno apparteneva al presunto “sistema”: Raggi l’ha sempre difeso e all’inizio gli aveva anche offerto l’incarico di vicecapo di gabinetto, un ruolo molto importante nell’amministrazione comunale. A novembre Raggi era stata assolta dall’accusa di falso nel processo di primo grado in cui era imputata per la storia della nomina di Renato Marra – fratello dell’ex braccio destro di Raggi, Raffaele – alla direzione del Dipartimento turismo.