In un rispettato sondaggio dell’UE c’è un dato sull’Italia che salta all’occhio

Sembra che negli ultimi due mesi gli italiani che giudicano positivamente l'Unione Europea siano molto aumentati: è davvero così?

Lunedì sono stati diffusi i primi dati dell’ultima edizione dell’Eurobarometro, il rispettato sondaggio commissionato periodicamente dal Parlamento europeo sull’UE, e c’è una cosa che salta subito all’occhio: la percentuale di cittadini italiani che giudicano positivamente l’appartenenza all’Unione Europea è pari al 64 per cento (pagina 4), cioè 22 punti percentuali in più rispetto a quanto rilevato dallo stesso Eurobarometro solo due mesi fa (il dato si trova qui, a pagina 20). Nei cinque mesi precedenti, fra aprile e settembre 2018, la stima era salita solamente di 3 punti percentuali.

L’unica differenza fra le rilevazioni – e che potrebbe mettere in guardia dal fare paragoni – è che quelle di aprile e settembre erano state fatte tramite interviste personali, mentre quella appena pubblicata è frutto di interviste telefoniche. Tutte e tre le rilevazioni sono state effettuate dalla nota società di consulenza Kantar Public.

È vero che negli ultimi mesi sono successe diverse cose che potrebbero aver fatto cambiare idea agli italiani – su tutte, la “bocciatura” della manovra economica italiana da parte della Commissione Europea, avvenuta a ottobre – ma un aumento del genere resta piuttosto inspiegabile, se dovessimo prendere per buoni tutti i dati. Anche in altri paesi, fra l’altro, è stato registrato un simile importante aumento: in Repubblica Ceca la percentuale riferita allo stesso sondaggio è passata dal 39 per cento di settembre al 57 per cento di novembre.

(il dato secondo la rilevazione di novembre 2018)

(dati di settembre e aprile 2018)

C’è un altro dato che potrebbe aiutare a inquadrare meglio la faccenda. Poco dopo la pubblicazione del nuovo Eurobarometro, il presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, ha scritto un tweet per spiegare che la percentuale di italiani che giudicano positivamente l’UE è salita di 15 punti percentuali in un anno, dal 49 per cento del novembre 2017 al 64 per cento del sondaggio di oggi. Il paragone però si basa su un dato, quello del novembre 2017, che prima di oggi non era stato diffuso pubblicamente. Il dato è in netta controtendenza rispetto all’Eurobarometro immediatamente precedente, effettuato a marzo 2017, secondo cui soltanto il 35 per cento degli italiani giudicava positivamente l’appartenenza all’UE (pagina 48).

Dal Parlamento Europeo però spiegano che la metodologia con cui sono stati rilevati il 49 per cento del novembre 2017 e il 64 per cento appena diffuso è la stessa – un sondaggio telefonico – e che quindi è corretto prendere in considerazione l’aumento del 15 per cento avvenuto fra novembre 2017 e novembre 2018.

Ricapitolando: se prendiamo per buoni tutti i dati diffusi oggi, nel marzo 2017 il 35 per cento degli italiani aveva un giudizio positivo sull’appartenenza all’UE. Otto mesi dopo, la percentuale era salita di 14 punti, per poi scendere di 10 punti sei mesi dopo, salire di tre punti da aprile a novembre 2018, e infine aumentare di 22 punti negli ultimi due mesi. Di nuovo: potrebbe essere un problema di metodologie. La sequenza 35-39-42 è stata realizzata con la stessa metodologia – l’intervista personale – mentre quella 49-64 con un sondaggio telefonico.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.