• Mondo
  • martedì 27 novembre 2018

Il fratello del presidente dell’Honduras è stato arrestato a Miami per traffico di droga

Venerdì 23 novembre Juan Antonio Hernández – il fratello minore del presidente dell’Honduras Juan Orlando Hernández – è stato arrestato a Miami, in Florida, per traffico di cocaina. Lunedì sono state confermate le accuse contro Hernández, 40 anni, descritto dalla polizia come un «grande trafficante di droga». Hernández avrebbe passato l’ultimo decennio a trasportare cocaina dal Centro America agli Stati Uniti e secondo Geoffrey Berman, procuratore di New York, era coinvolto in ogni aspetto del traffico, dalla sicurezza dei carichi al riciclaggio di denaro con l’aiuto di contratti con le agenzie del governo honduregno. Hernández era coinvolto nel traffico della cocaina al punto che alcuni laboratori in Colombia e in Honduras stampavano dei pacchetti con le sue iniziali T.H. (come Tony Hernández). La prima conferma dell’arresto era arrivata venerdì scorso dal presidente dell’Honduras che, tramite un comunicato, aveva riaffermato l’impegno del suo governo nella lotta contro il crimine organizzato e il traffico di droga al fianco degli Stati Uniti.

Juan Antonio Hernández, fratello del presidente dell'Honduras Juan Orlando Hernández. (ORLANDO SIERRA/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.