• Italia
  • lunedì 5 novembre 2018

Manlio Cerroni, proprietario della discarica di Malagrotta, è stato assolto dall’accusa di associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti

Manlio Cerroni, 91 anni, è stato assolto dall’accusa di associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti. Cerroni, che è molto famoso a Roma e nel Lazio, era stato a lungo presidente del consorzio Colari, la società di gestione della discarica di Malagrotta (Malagrotta è una frazione di Roma tra Fiumicino, Ponte Galeria e Piana del Sole).

La discarica ha chiuso il 30 settembre 2013 dopo che per trent’anni aveva raccolto in situazione di quasi monopolio le tonnellate di rifiuti prodotte ogni giorno da Roma. Sono stati assolti anche gli altri imputati, tra cui l’ex presidente del Lazio Bruno Landi, 79 anni. Cerroni era stato arrestato nel 2014 e la procura aveva chiesto di condannarlo a sei anni di reclusione.

Benché satura almeno dal 2004, la discarica di Malagrotta aveva continuato ad accogliere i rifiuti di Roma e di diversi altri comuni del Lazio, in deroga alle normative europee e grazie a numerose proroghe. Nel 2013 l’Italia era stata denunciata dalla Commissione Europea per lo smaltimento irregolare dei rifiuti nella discarica di Malagrotta.

 

Manlio Cerroni.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.