• Mondo
  • mercoledì 31 ottobre 2018

Un diciassettenne si è fatto esplodere nella sede dell’intelligence russa ad Arkhangelsk, ci sono tre feriti

Un giovane uomo si è fatto esplodere ad Arkhangelsk, in Russia, all’ingresso dalla sede locale della FSB, l’ente governativo che controlla intelligence e i servizi segreti. Tre persone sono rimaste ferite. Gli investigatori hanno detto che l’attentatore aveva diciassette anni e aveva la bomba in uno zaino. Non sono ancora state diffuse rivendicazioni, mentre è stata aperta un’indagine per terrorismo. Gli attacchi contro gli agenti dell’intelligence e le forze militari russe non sono rari, ma avvengono di solito nella regione del Caucaso, dove sono attivi da anni militanti islamisti e gruppi separatisti. La FSB è molto contestata anche per le misure sommarie e gli interrogatori brutali a cui sottopone attivisti di sinistra e per i diritti umani.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.