ANSA/LUCA ZENNARO

Toninelli ha fatto un po’ di confusione sul tunnel del Brennero

Il ministro dei Trasporti ha detto che gli imprenditori italiani lo usano per il trasporto merci, ma il tunnel non sarà pronto prima del 2025

ANSA/LUCA ZENNARO

Il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli ha detto che gli imprenditori italiani utilizzano il tunnel del Brennero per trasportare le merci, ignorando forse che il tunnel del Brennero – che collegherà l’Italia con l’Austria – non esiste ancora. Toninelli stava parlando con i giornalisti dopo aver incontrato a Genova Violeta Bulc, la commissaria europea per i Trasporti, e ha detto che durante l’incontro aveva parlato anche del tunnel del Brennero:

Sapete quante delle merci italiane, quanti degli imprenditori italiani utilizzano con il trasporto principalmente ancora su gomma il tunnel del Brennero, e oggi dobbiamo purtroppo subire limitazioni settoriali da parte delle autorità del Tirolo che danneggiano fortemente l’economia italiana.

Il tunnel del Brennero è una galleria ancora in costruzione che collegherà Italia e Austria attraversando le Alpi in corrispondenza del passo del Brennero, in Trentino-Alto Adige. Il tunnel sarà esclusivamente ferroviario, aperto sia a merci che passeggeri: sarà lungo 55 chilometri, tra Innsbruck e Fortezza, ma in tutto il progetto prevede lo scavo di 230 chilometri di gallerie. I lavori di costruzione – finanziati da Italia, Austria e Unione Europea – sono iniziati nel 2008 e dovrebbero finire nel 2025: l’avanzamento dei lavori può essere seguito sul sito ufficiale del cantiere.

Il tunnel fu pensato per ovviare alla congestione della linea ferroviaria che collega l’Italia e l’Austria sul passo del Brennero, a 1.372 metri di altitudine: fu costruita a fine Ottocento e ha pendenze considerevoli, tali da rallentare molto la marcia dei treni. Sul passo del Brennero passa anche un’autostrada, ed è forse quella a cui si riferiva Toninelli quando parlava del trasporto delle merci «principalmente ancora su gomma».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.