Versace è in vendita, dicono i giornali italiani

Sembra che l'annuncio sarà fatto domani, martedì, e che tra i probabili acquirenti ci sia Michael Kors

Secondo fonti riportate dal Corriere della Sera, martedì verrà annunciata la vendita di Versace, l’azienda di moda italiana fondata nel 1978 da Gianni Versace. Ora è di proprietà per il 20 per cento del fondo Blackstone e per l’80 della holding Givi, controllata al 20 per cento da Donatella Versace, sorella di Gianni Versace e direttrice creativa, al 30 per cento da Santo Versace, co-fondatore con il fratello Gianni e presidente, e al 50 per cento da Allegra Versace, figlia di Donatella.

I giornali scrivono di una possibile vendita dall’inizio dell’estate, quando era dato come probabile acquirente il gruppo del lusso francese Kering dell’imprenditore François Henri Pinault. Ora sia il Corriere che il Sole 24 Ore scrivono che l’acquirente potrebbe essere l’azienda statunitense di moda Michael Kors, che un anno fa aveva comprato anche il marchio di scarpe Jimmy Choo; secondo altri potrebbe essere invece Tiffany, il gruppo di gioielli che ha per CEO l’italiano Alessandro Bogliolo. Il Corriere scrive che la valutazione dell’azienda è attorno ai due miliardi di euro. È inoltre in ripresa dopo qualche anno di difficoltà: Jonathan Akeroyd, amministratore delegato dal 2016, ha detto che il 2016 è stato un anno di transizione, con ricavi di 686 milioni di euro eperdite di 7,4 milioni, mentre nell’anno successivo c’è stato un utile di 15 milioni di euro.

La stilista Donatella Versace (63) applaudita dal pubblico dopo la sfilata della collezione uomo e donna per la primavera/estate 2019 alla Settimana della moda di Milano, 16 giugno 2018 (MIGUEL MEDINA/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.