Tesla è indagata dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti per alcuni tweet del suo CEO Elon Musk, dice Bloomberg

L’azienda produttrice di automobili elettriche Tesla è sotto indagine da parte del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, secondo alcune fonti consultate da Bloomberg. L’indagine è stata avviata in seguito ad alcune dichiarazioni diffuse nei mesi scorsi dal CEO della società, Elon Musk, sulla possibilità di rendere nuovamente privata Tesla e di ritirarla quindi dalla Borsa. L’annuncio aveva portato ad alcune oscillazioni delle azioni e a nuove speculazioni da parte degli investitori. L’indagine avviata, riferisce sempre Bloomberg, sarebbe per frode e potrebbe avere conseguenze per Musk e la società. Per ora l’ufficio del procuratore generale a San Francisco non ha diffuso commenti per confermare o smentire la notizia.

Una Model 3 di Tesla a Oslo, in Norvegia, il 31 luglio 2018 (PIERRE-HENRY DESHAYES/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.