• Media
  • venerdì 31 Agosto 2018

Il comunicato della redazione del Sole 24 Ore sui corsi dell’università Luiss affidati all’ex direttore Roberto Napoletano

Il comitato di redazione del Sole 24 Ore ha diffuso un comunicato sindacale sulla notizia dell’affidamento di alcuni corsi all’università privata Luiss di Roma a Roberto Napoletano, ex direttore del quotidiano, indicato dallo stesso Sole come tra i principali responsabili della grave crisi attraversata dal giornale nel 2017. Il comunicato definisce «incredibile» la notizia degli insegnamenti affidati a Napoletano, che rientrano in quattro diversi dipartimenti e si avranno come tema “Le grandi crisi dell’economia contemporanea”.

Una newsletter sul dannato futuro dei giornali

Ora, non si vorrebbe maramaldeggiare, ma la cronaca ahimè impone qualche doverosa precisazione: Napoletano è certo persona competente in materia di crisi. Ma, per fortuna, di dimensioni più ridotte, anche se per noi che ancora ne paghiamo le conseguenze, non meno gravi. Ha infatti contribuito in maniera assai significativa all’affossamento dei conti del Sole 24 Ore e di tutte le testate che dirigeva.

Fatti, non opinioni, che hanno reso necessaria una ricapitalizzazione per evitare il fallimento della società. E fatti sui quali sono in corso indagini della procura di Milano mentre Consob sembra già essere arrivata a conclusioni di gravità delle condotte di chi ha guidato, anche di fatto, la società nel recente passato.

Ora appare appunto incredibile che Confindustria, azionista di riferimento del Sole 24 Ore e promotrice di Luiss, non veda l’inopportunità di un incarico di docente a chi ha contribuito al dissesto dell’unico asset imprenditoriale proprio da Confindustria gestito. Ma forse non è che una conferma, semmai ce ne fosse ancora bisogno, del fatto che le relazioni contano più della decenza.

Confindustria, che è strettamente legata alla Luiss, ha negato di essere a conoscenza dell’affidamento dei corsi a Napoletano, definendola una decisione «che resta tutta e solo dell’Università». Napoletano, che era stato direttore del Sole 24 Ore dal 2011 al 2016, venne sfiduciato a larghissima maggioranza dopo le gravi perdite economiche del giornale, e pochi mesi dopo venne indagato con l’ipotesi che avesse gonfiato i dati riguardo la tiratura del giornale, per poter poi vendere la pubblicità a quote più alte.

(Ansa)