• Mondo
  • giovedì 16 agosto 2018

Almeno 48 persone sono state uccise in un attentato suicida davanti a una scuola di Kabul, in Afghanistan

Almeno 48 persone sono state uccise mercoledì in un attentato suicida davanti a una scuola di Kabul, in Afghanistan. Decine di persone sono state ferite. La polizia ha confermato che l’attentatore era da solo e che era entrato a piedi all’interno del giardino della scuola, dove si è fatto esplodere. Dopo l’esplosione la polizia ha sparato a lungo, facendo credere che ci fosse un secondo assalitore intorno alla scuola: la notizia è stata smentita. Zabihullah Mujahid, portavoce dei Talebani, ha negato il coinvolgimento del suo gruppo nell’attentato, che per ora non è stato rivendicato.

La scuola di Kabul dove almeno 48 persone sono morte mercoledì per un attentato suicida (AP Photo/Rahmat Gul)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.