• Mondo
  • martedì 7 agosto 2018

Il presidente della Costa d’Avorio ha concesso la grazia a 800 persone, tra cui la ex first lady Simone Gbagbo

Il presidente della Costa d’Avorio, Alassane Ouattara, ha concesso la grazia a 800 persone tra cui la ex first lady Simone Gbagbo, che stava scontando una condanna a 20 anni di carcere per le violenze iniziate dopo le elezioni nel 2010. Le elezioni erano state vinte proprio da Ouattara, mentre l’allora presidente Laurent Gbagbo, marito di Simone, si era rifiutato di riconoscere la sconfitta e di lasciare il palazzo presidenziale. Ouattara ha detto di avere deciso di concedere la grazia per favorire la «pace e la riconciliazione» nazionale. 500 detenuti sono già stati rilasciati, mentre altri 300 saranno liberati molto presto, ha aggiunto Ouattara.

Simone Gbagbo (SIA KAMBOU/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.