• Mondo
  • venerdì 20 luglio 2018

È stato aperto il sarcofago trovato ad Alessandria d’Egitto

Dentro c'erano tre scheletri – forse di tre soldati – e un liquido rosso con un odore insopportabile

Un'immagine dell'interno del sarcofago diffusa dal ministero egiziano delle Antichità (AFP/Getty Images)

Giovedì è stato aperto il grande sarcofago di granito nero ancora sigillato trovato il mese scorso ad Alessandria d’Egitto durante alcuni lavori di costruzione. Sul contenuto del sarcofago, che gli archeologi egiziani avevano datato al periodo dell’Egitto tolemaico, iniziato con la morte di Alessandro Magno nel 323 a.C. e terminato nel 30 a.C. con la conquista romana dell’Egitto, si erano fatte ipotesi di ogni tipo: al suo interno sono stati trovati invece tre scheletri immersi in un puzzolente liquame rosso scuro. Secondo gli archeologi che si sono occupati di aprire il sarcofago, i tre scheletri potrebbero appartenere a tre soldati che vissero ai tempi dei Faraoni.

Le operazioni di apertura del sarcofago, secondo il quotidiano egiziano El-Watan, non sono state semplici. Inizialmente gli archeologi hanno sollevato il coperchio della tomba di soli 5 centimetri, prima che l’odore insopportabile del liquido rosso li costringesse ad allontanarsi dal sito. Una volta tornati, sono stati aiutati dagli ingegneri militari egiziani, che hanno finito di sollevare il coperchio. Mustafa Waziri, segretario generale del Consiglio supremo delle Antichità, ha detto: «Abbiamo trovato le ossa di tre persone, in quella che sembra essere una sepoltura familiare. Purtroppo le mummie all’interno non sono nelle migliori condizioni e restano solo le ossa». Uno dei teschi trovati mostra infatti crepe che potrebbero indicare una ferita da freccia.

Il quotidiano egiziano Ahram ha aggiunto che le persone che si trovavano al sito dove è stato posizionato il sarcofago sono state fatte allontanare, per timore di diffusione di gas tossici. Stando alle immagini e alle ricostruzione del sito di news Youm7, è stato prelevato un campione di liquido dal sarcofago – creatosi probabilmente a causa di una crepa nel suo lato destro – mentre il resto è stato buttato via in strada.

Il ritrovamento del sarcofago era stato accolto da archeologi e appassionati con grande curiosità ed eccitazione. In diversi avevano sottolineato la sua inusuale grandezza – due metri di altezza, tre di lunghezza e un peso di circa 30 tonnellate – e il fatto che fosse ancora sigillato. Si era ipotizzato tra le altre cose che dentro al sarcofago ci potesse essere il corpo di Alessandro Magno, che non è mai stato trovato, e anche che potesse essere l’origine di strane “maledizioni”. Rispondendo alle domande dei giornalisti che suggerivano che l’apertura del sarcofago avrebbe fatto iniziare una implacabile maledizione, Waziri, il segretario generale del Consiglio supremo delle Antichità, ha detto: «Sono stato il primo a mettere la mia testa dentro il sarcofago e sono ancora qui di fronte a voi, e sto bene».