• Mondo
  • sabato 5 maggio 2018

Alexei Navalny è stato arrestato per l’ennesima volta

Alexei Navalny, il più noto oppositore di Vladimir Putin, è stato nuovamente arrestato a Mosca stamattina durante una manifestazione di protesta non autorizzata contro il presidente russo. Le proteste a Mosca e in altre città russe erano state organizzate dallo stesso Navalny in occasione dell’inizio del quarto mandato da presidente per Putin, che si terrà fra due giorni. Alle ultime elezioni presidenziali di marzo, Putin ha vinto con un consenso vicino al 77 per cento (ricevendo molte accuse di brogli). Oltre a Navalny più di mille oppositori di Putin che erano presenti alle manifestazioni di Mosca e San Pietroburgo sono stati arrestati.

Sui social network sta circolando molto il video di Navalny trascinato via dalla polizia in mezzo a un gruppo di manifestanti. Negli ultimi anni, Navalny è stato spesso arrestato per la sua attività di opposizione a Putin.

Navalny avrebbe voluto sfidare Putin alle elezioni presidenziali, ma non ha potuto farlo per una decisione della commissione elettorale centrale russa: la motivazione ufficiale è stata una condanna subita da Navalny per appropriazione indebita, ma secondo diversi analisti le vere motivazioni sono di natura politica.

L'attivista russo Alexei Navalny a Mosca durante la manifestazione non autorizzata contro Putin del 5 maggio 2018, prima di essere arrestato (KIRILL KUDRYAVTSEV/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.