• Mondo
  • sabato 28 aprile 2018

È morto Alfie Evans, il bambino britannico di 23 mesi con una malattia neurodegenerativa al centro di un caso internazionale negli scorsi giorni

È morto Alfie Evans, il bambino britannico di 23 mesi con una grave malattia neurodegenerativa di cui si era parlato molto negli ultimi giorni per l’opposizione dei genitori alla sospensione del supporto vitale disposta dall’ospedale in cui era ricoverato. Lo hanno annunciato i genitori su Facebook. Interessandosi al caso, nei giorni scorsi l’Italia aveva concesso la cittadinanza al bambino, offrendo ai genitori di trasferirlo per prolungarne le terapie: il supporto vitale era stato interrotto lunedì, e la coppia aveva intrapreso una battaglia legale per ripristinarlo.

La malattia di Alfie Evans non era nota, ma lo aveva lasciato in uno stato semi-vegetativo: a febbraio un giudice aveva stabilito che i medici potevano interrompere le cure senza il consenso dei genitori, accogliendo le prove che ne dimostravano l’inutilità. Una corte d’appello aveva poi confermato la decisione, e un giudice aveva escluso la possibilità del trasferimento in Italia.

L'ospedale di Liverpool dove era ricoverato Alfie Evans. (Peter Byrne/PA via AP)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.