Una foto vincitrice del Wildlife Photographer of the Year è stata squalificata perché scattata con un animale imbalsamato

Una foto di Marcio Cabral che era stata premiata al Wildlife Photographer of the Year è stata squalificata perché secondo il Natural History Museum (il museo di storia naturale di Londra), che organizza il concorso, è “altamente probabile” che sia stata creata utilizzando un animale impagliato.
La foto, intitolata The Night Raider, aveva vinto nella categoria “Animali nel loro ambiente naturale” e sembra mostrare un formichiere fotografato di notte mentre si avvicina a un nido di termiti al Parco nazionale delle Ema, in Brasile.

Il Natural History Museum ha detto di aver ricevuto alcune segnalazioni secondo cui la foto è stata scattata usando un formichiere imbalsamato che si trova a un centro per turisti all’ingresso della riserva. Ha chiesto a cinque esperti di confrontare l’animale nelle foto con quello impagliato e tutti hanno stabilito che è lo stesso.

La foto dell’animale impagliato che è stata fornita al Natural History Museum:

(Natural History Museum)

Cabral ha negato di aver inscenato la fotografia, ha detto che c’è un testimone che può dimostrarlo e ha spiegato a BBC che “altri fotografi e turisti erano nel parco nello stesso momento e quindi sarebbe molto improbabile che nessuno vedesse un animale impagliato che viene trasportato e messo in quella posizione”. Si è detto deluso dalla decisione del Natural History Museum e ha aggiunto di non aver potuto fornire altre immagini del formichiere per via della modalità con cui ha scattato la foto: un’esposizione lunga 30 secondi e ISO 5mila, che ha fatto sì che dopo i flash l’animale si allontanasse e lui non potesse più fotografarlo.

(© Marcio Cabral - Wildlife Photographer of the Year/PA Wire/LaPresse)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.